Per contatti: pianopartecipato@libero.it - fax 0623316920 posta: via Stazione di Ottavia 73B Roma. Leggi qui: Lo Statuto


martedì 20 gennaio 2015

"L'Abito fa il monaco?".. Caffè filosofico il 30 gennaio

Essere autentici significa vivere in contatto con la parte più vera di sé ? Significa non avere più bisogno di nascondersi dietro una “maschera”?

Insomma "L'Abito fa il monaco?"

Sarà questa la domanda del prossimo Caffè filosofico organizzato  dall'associazione culturale Lucchina e e Ottavia con il Patrocinio dell'Assessorato alla Cultura del Municipio XIV. Modera la filosofa Laura Capogna, socia Phronesis.

 

Questo ottavo incontro si terrà il 30 gennaio 2015 alle 18.30, all'interno dei locali della Stazione di Ottavia nell'ambito della Mostra "l'Arte racconta... Il Pappagallo miracoloso"

Partecipazione gratuita
Prenotazioni e info: 
via della Stazione di Ottavia 73B
pianopartecipato@libero.it

venerdì 16 gennaio 2015

Nuove rivelazioni sulle presunte tangenti nel Municipio XIV

Sul Corriere della Sera di oggi la cronista Ilaria Sacchettoni si occupa dell'argomento corruzione e riporta elementi dell'inchiesta su quanto sarebbe avvenuto nelle stanze del municipio XIV, elementi che sarebbero emersi nel corso degli interrogatori ad un imprenditore (anche lui accusato per corruzione nei confronti di alcuni funzionari pubblici).
Omettiamo ogni commento e riportiamo una parte significativa del testo pubblicato sul Corriere della Sera:

"....Ogni atto amministrativo- dal via libera all'allaccio fognario, all'inizio e fine lavori cantieristici- sarebbe frutto di una trattativa privata/personale tra impresa e funzionari pubblici: "Un informatore - si legge nel documento- ha riferito le seguenti notizie che accadono all'interno del Municipio XIV: solitamente Adamo (l'architetto Antinio Adamo ex responsabile degli uffici tecnici del Municipio, di cui il Comune pubblica anche il reddito: 103mila euro annuali, ndr) riceve una mazzetta dalle posizioni organizzative degli uffici tecnici e poi fa vincere le gare anche a ditte non conformi con il Durc; nel Municipio esiste una specie di prezzario ad esempio per un espianto di tronchi di quercia sarebbe 17mila euro; Adamo emette ordine di servizio per sopralluoghi, inviando un tecnico che, se sono iniziati i lavori prima del previsto, omette di indicare lo stato dei lavori (per evitare la multa all'imprenditore, ndr) ricevendo una somma di danaro. Facendo un esempio: se la sanzione è di 100mila euro, con una dazione di 5/10mila si risolve la situazione senza redigere alcun atto".
Autorizzazioni concesse a indagati per bancarotta fraudolenta. Abusi edilizi mai rimossi, uno addirittura all'interno degli stessi uffici comunali, nei padiglioni storici del complesso di Santa Maria della Pietà. Deroghe alle normative in cambio di denaro o favori ( anche la ristrutturazione di un appartamento). L'elenco degli abusi è lungo. Ieri la Procura ha disposto nuove attività investigative. Mentre a breve sarà fissato un confronto tra Biagini e Grilli, come richiesto dall'avvocato di quest'ultimo, Stefano Parretta."

sabato 10 gennaio 2015

Villa Paladini: Lettera aperta al Presidente del Municipio XV

Gentilissimo Presidente Torquati,
conosciamo la sua sensibilità all'ambiente e alla cultura e vorremmo sottoporLe una questione che ci è stata segnalata da alcuni nostri soci. Le chiediamo di voler dare una risposta e fare quanto è nei suoi poteri di rappresentante dei cittadini nell'istituzione di prossimità.
Si tratta della sorte di "Villa Paladini" la bella villa novecentesca che si trova in zona Tomba di Nerone e che, nel 1992, fu donata dalla vedova Paladini, al momento della morte, alla Fondazione Italiana per la Ricerca sul Cancro.
Essa, con il suo bellissimo parco, potrebbe costituire la “porta di accesso” all’Insugherata e la sua vendita, a meno che non venga acquistata da un ente pubblico, impedirà la realizzazione di un ingresso alla Riserva Naturale.
La vendita ad un privato tradirebbe la destinazione originaria decisa con il Piano di Assetto dell’Insugherata, approvato con una delibera del 2002 e pubblicato nel lontano 2006, il quale prevede che la villa diventi, attraverso finanziamenti pubblici, “centro monitoraggio e documentazione ambientale” ricorrendo anche all’acquisizione mediante esproprio o utilizzo in comodato d’uso.
In particolare la scheda del Piano di Assetto dell'Insugherata così recitava:  “Questo progetto ha l’obiettivo
di dare visibilità all’ingresso principale della Riserva e di dotare l’area naturale protetta dei necessari servizi”.
E ancora: “L’intervento consiste nella destinazione di Villa Paladini a Centro Visite e centro di monitoraggio ambientale e nella sistemazione di tutta l’area con attrezzature di sosta. Inoltre essendo un nodo di interscambio con la sentieristica si prevede l’installazione di cartellonistica informativa; si prevede anche il restauro dell’originario giardino e il recupero delle essenze arboree esistenti”.
Ci rendiamo conto dell'abbandono e del degrado in cui in questi anni è stata lasciata, ma riteniamo che questa circostanza non debba costituire un pretesto (e un preoccupante precedente)  per venderla ai privati. 
Voglia, Gentile Presidente Torquati, occuparsi della vicenda proponendo soluzioni di mediazione nell'interesse pubblico e  informare i cittadini sull'evolversi della questione.

Associazione culturale Lucchina e Ottavia


venerdì 9 gennaio 2015

La corruzione e il restauro dell'Ipogeo degli Ottavi

C'è un legame tra la corruzione/concussione nel municipio XIV e il restauro in corso delle tombe degli Ottavi a via della stazione di Ottavia 73 ?
Si! Ci potrebbe essere un legame che riguarda l'allaccio fognario richiesto dalla Soprintendenza ai Beni Archeologici di Roma per l'opera di messa in sicurezza del prezioso sito archeologico di Ottavia, soggetto in passato ad allagamenti. 
L'associazione culturale Lucchina e Ottavia, avendo appreso dai mezzi di informazione che gli allacci alla rete fognaria di nuove costruzioni, erano soggetti a odiose mazzette, chiede alle Autorità municipali e comunali e al Ministero dei Beni Culturali di garantire immediatamente l'allaccio fognario dei locali che ospitano le antiche tombe della famiglia di Octavius Felix il quale, essendo defunto nel terzo secolo dopo Cristo, non è in grado di versare tangenti.
Accesso all'Ipogeo degli Ottavi

Manderemo questa richiesta al Ministro Franceschini e confidiamo che gli archeologi della Soprintendenza, i quali stanno lavorando dentro il sito archeologico, avranno il necessario intervento sul sistema fognario per finire bene il loro lavoro.

Associazione culturale Lucchina e Ottavia