Per contatti: pianopartecipato@libero.it - fax 0623316920 posta: via Stazione di Ottavia 73B Roma. Leggi qui: Lo Statuto


domenica 31 gennaio 2016

I cittadini di Ottavia uniti contro il degrado

Era da tanto tempo che non si vedevano tanti cittadini insieme a parlare di sicurezza e prevenzione nel nostro quartiere. 
In prima fila i sacerdoti Giorgio Spinello e Padre Rafal Gadek delle Parrocchie di Santa Maddalena di Canossa e di Sant'Ottavio e Martiri. 
Tra il pubblico attento vi erano anche residenti di quartieri limitrofi Giustiniana e Montemario, insegnanti, consiglieri e assessori municipali, professionisti e commercianti.
In apertura dell'inziativa vi è stata la brillante esposizione dell'archeologo Alessandro Locchi il quale ha illustrato, con documentazione fotografica, sia la collocazione geografica della zona di Ottavia rispetto all'antica Veio ed ha descritto i numerosi ritrovamenti etruschi scoperti nel quartiere di Ottavia negli ultimi 30 anni.
Sono poi intervenuti il regista scrittore teatrale Enrico Bernard e i due sacerdoti delle parrocchie del quartiere.
Tutti hanno concordato sulla situazione critica del quartiere rispetto al degrado, alla pulizia delle strade e ai rischi derivanti dalla carenza di politiche e progetti di prevenzione del disagio sociale che alimenta fenomeni di microcriminalità.
Bernard, a proposito di sicurezza e prevenzione, ha anche fatto l'esempio della carenza di trasporto pubblico tra centro e periferia, soprattutto in orario notturno, e di adeguata illuminazione di alcune strade.
L'associazione culturale Lucchina e Ottavia ha esposto da tempo, anche negli incontri con il Prefetto Gabrielli, la necessità di favorire collegamenti tra le istituzioni di prossimità con una rete di soggetti attivi del territorio (scuole, comunità parrocchiali, associazioni e singoli cittadini). Non si può navigare a vista lasciando soli, nel loro ammirevole impegno, le scuole, le parrocchie, le associazioni e i cittadini di buona volontà a fronteggiare i problemi sociali della periferia.
Occorre un'opera costante e continua di sensibilizzazione di giovani e meno giovani, ma lo si può fare solo attraverso una canale di comunicazione bilaterale e di ascolto attivo con le istituzioni Municipio, Comune,Prefettura, Forze dell'Ordine, che abbia come obiettivo una maggiore cura dell'ambiente, delle relazioni sociali e un miglioramento della qualità della vita nelle nostre periferie.
Nell'incontro pubblico si è anche trattato del Centro commerciale di Ottavia che rappresenta una sorta di santuario per molti giovani e che, per lo stato di abbandono in cui versa (cantieri edili fermi e trascurati, discariche a cielo aperto, cunicoli incontrollati, recinzioni divelte...), rappresenta anche un esempio negativo di degrado per tutto il territorio. 
Ogni trascuratezza e disinteresse verso l'ambiente, da parte di enti pubblici e/o privati, trasmette comportamenti sociali negativi e alimenta incuria generale e altro degrado.
Padre Rafal della parrocchia di Sant'Ottavio ha confermato, con la sua testimonianza, la tendenza di molti a sporcare strade e marciapiedi con rifiuti, e persino deiezioni.
Padre Giorgio di Santa Maddalena di Canossa ha evidenziato la necessità di migliorare il servizio di raccolta differenziata, di sfalcio dell'erba, di spazzamento delle strade e di riparazione di buche e asfalto dei marciapiedi, di aumentare vigilanza. Inoltre ha espresso l'intenzione di riunire i suoi parrocchiani per parlare di questi problemi e cercare soluzioni.
A conclusione dell'argomento si è convenuto sulla necessità di continuare a incontrarsi per approfondire cercando di coinvolgere anche le scuole e soprattutto i cittadini. 
Rimane ferma la convinzione che soprattutto la partecipazione e l'interessamento al bene comune di quante più persone possibile potrà innescare un processo virtuoso di soluzioni possibili e di coinvolgimento effettivo delle autorità competenti.
L'arch. Ferretti, visita guidata 7/11/2015
La tavola rotonda è stata successivamente arricchita dai contributi dell'architetto prof. Simone Ferretti e di Rita Longobardi dell'associazione Alberoandronico. Ferretti ha illustrato con splendide immagini la storia del Forte Trionfale descrivendo tutto il processo amministrativo e i passaggi che hanno portato alla dismissione della struttura e della sua cessione dal Ministero della Difesa al Comune di Roma. 
Il riutilizzo civile del Forte Trionfale come sede del Municipio XIV e come piazza culturale delle associazioni comporterà un notevole risparmio per l'erario sugli affitti attuali, pagati per le sedi di via Battistini e del Santa Maria della Pietà, e un potenziale giovamento alla partecipazione civica.
Rita Longobardi dell'associazione Alberoandronico , nell'ultimo intervento della serata, ha parlato della questione irrisolta delle pari opportunità uomo-donna. Un argomento pubblicato dalla stessa relatrice nel nostro calendario di quartiere.
Interessante il paragone e similitudine, che la relatrice ha argomentato e spiegato, tra il rapporto uomo-donna e il rapporto centro-periferia. 

A dx della presidente dell'ass.ne, l'arch. Ferretti. A sn  l'archeologo Locchi








Associazione culturale Lucchina e Ottavia
via Stazione di Ottavia 73B 
email pianopartecipato@libero.it

 



sabato 16 gennaio 2016

Pattuglia di quartiere presidierà locali pubblici e negozi

Alla fine del mese di novembre scorso, incontrando il Prefetto Gabrielli nell'aula consiliare del
immagine lastampa.it

Municipio XIV, abbiamo presentato le nostre 4 richieste che potete rileggere su questo link 

Oggi abbiamo appreso che il Commissariato di Ponte Milvio ha ripristinato la pattuglia di quartiere, due agenti che entrano nei negozi e fanno sentire la presenza dello Stato nelle criticità della nostra vita quotidiana.
Non sappiamo se è merito di questa associazione e se gradualmente vedremo in tutta l'area di Roma Nord la pattuglia di quartiere.
Ma intanto salutiamo di buon grado questa positiva novità ed esprimiamo soddisfazione per un primo piccolo risultato.
Giovanna Marchese Bellaroto, Presidente di CNAcommercio e Assocommercio Romanord ha invitato tutti gli associati ad accogliere gli agenti ringraziandoli per il lavoro ed il presidio svolto.
"Si può e si deve lavorare e vivere per il rispetto delle regole e la legalità. 

Grazie al dott. Mastrapasqua del Commissariato di Ponte Milvio ed a tutta la sua squadra!".

Giovanna D'Annibale, Presidente dell'Associazione culturale Lucchina e Ottavia che ha partecipato ai diversi incontri con il Prefetto dichiara: "Siamo ben felici che qualcosa si muova nella direzione da noi indicata e  auspichiamo che i commissariati di Montemario e Primavalle possano seguire le stesse direttive del Commissariato di Ponte Milvio"

Il 27 gennaio 2016 ore 18.30 presso lo spazio SOSE della stazione di Ottavia parleremo delle problematiche dei nostri quartieri, compresa il tema sicurezza e prevenzione.

Maggiori approfondimenti nei prossimi giorni ma intanto invitiamo a prendere nota di data ora e luogo dell'evento. 

Associazione culturale Lucchina e Ottavia 

mercoledì 13 gennaio 2016

Ottavia, furto di reliquia sacra nella parrocchia di Santa Maddalena

immagine a caso tratta da google non riferita a Ottavia 
Abbiamo portato la nostra solidarietà a Padre Giorgio della parrocchia di Santa Maddalena di Canossa per il furto e gli atti vandalici che si sono verificati nella notte tra il 12 e il 13 gennaio.
Abbiamo appreso dal parroco, il quale ha visionato le telecamere, che 3 individui, in apparenza tra i 25 e i 30 anni, con il volto coperto, hanno scavalcato la recinzione che affaccia su via Camilla Ravera vicino il parcheggio sottoscale del cinema.
I 3 hanno fatto poi il giro del cortile al piano terra e per andare ad aprire con una sorta di linguetta un portoncino e, da quell'ingresso, sono entrati in Sala Teatro e poi in chiesa. 
In chiesa hanno rubato libri sacri, la stola, e, tra altri oggetti,  l'oggetto sacro più importante della Parrocchia: la reliquia (il frammento di omero) di Santa Maddalena di Canossa.
reliquia ossea di Santa Maddalena, immagine tratta da google
Inoltre alla statua di Santa Maddalena è stato spezzato un dito mentre un crocefisso è stato rovesciato a testa in giù in segno di sfregio.
Il trio di vandali notturno, secondo le risultanze delle telecamere, si sarebbe mosso con disinvoltura dimostrando di conoscere bene la parrocchia e i suoi accessi. 
E' la seconda chiesa presa di mira in pochi giorni. La prima è stata quella di Selva Nera dove sarebbe stato aperto anche il tabernacolo e sottratte le ostie consacrate.

Dopo questo ulteriore ignobile intrusione teppistica in una chiesa, rimangono in piedi alcuni interrogativi:
1)  Potrebbero esserci una regia unica che commissiona questi furti?
2) Ci potrebbe essere un movente che va al di là del semplice furto o della semplice bravata?
3) Il crocefisso rovesciato potrebbe rappresentare un indizio che riconduce a riti di sette sataniche?
4) Gli esecutori potrebbero essere giovani del quartiere?
Proprio per alcune caratteristiche particolari di questo atto  il comandante dei carabinieri intervenuto sul posto, ha deciso di chiamare la polizia scientifica che ha effettuato tutti i rilievi del caso.
Ci auguriamo che le indagini possano contribuire a trovare i colpevoli e a prevenire ulteriori  episodi di micro e macrocriminalità. 
La nostra associazione culturale ha illustrato negli incontri con il Prefetto la necessità di stabilire canali di collegamento stretto e permanente tra associazioni, scuole e comunità parrocchiali dei vari quartieri con enti di prossimità (Municipio, Comune) e forze dell'Ordine, senza escludere la possibilità di reintrodurre il poliziotto di quartiere.
Solo attivando i cittadini e attivando l'ascolto attivo delle istituzioni con sportelli dedicati si potrebbe cercare di monitorare il territorio e registrare eventi sentinella utili a prevenire episodi di criminalità e corruzione.


Ass.ne culturale Lucchina e Ottavia



lunedì 4 gennaio 2016

Mostra sul Giubileo alla Stazione di Ottavia

Finita la festa dell'Epifania, torneranno a pieno ritmo le attività culturali allo Spazio Espositivo Stazione Ottavia.
Sabato prossimo, 9 gennaio e domenica 10 gennaio 2015 i protagonisti saranno gli alunni della scuola media di via Maestre Pie Filippini (Istituto Comprensivo Octavia) che hanno preparato una "ricostruzione storica mostra sul Giubileo".
Il titolo della mostra è:
"Il Giubileo: La scoperta di un cammino".
L'inaugurazione si terrà giorno 9 gennaio alle ore 16.00 ed è previsto l'intervento dell'Assessoree alla Cultura del Municipio Marco Della Porta.
I visitatori potranno accedere ai locali e visitare la mostra anche il giorno successivo dalle ore 17.00 alle ore 20.00.

Ricordiamo che i locali della mostra si trovano presso la Stazione di Ottavia dove si tiene mensilmente anche la "Sosta Filosofica" moderata da Laura Capogna, filosofa, socia Phronesis.

Ass.ne culturale Lucchina e Ottavia