Per contatti: pianopartecipato@libero.it - fax 0623316920 posta: via Stazione di Ottavia 73B Roma. Leggi qui: Lo Statuto


martedì 24 maggio 2016

COSA E' STATO SCOPERTO A OTTAVIA? PARLA L'ARCHEOLOGO

Mummia Grottarossa
scoperta 5 febbraio 1964

Riportiamo di seguito il video effettuato dall'alto dalla Presidente dell'Associazione Lucchina e Ottavia e la descrizione sommaria, fatta dall'archeologo Alessandro Locchi, di quanto è stato scoperto nella residenza religiosa via Maestre Pie Filippini durante la messa in sicurezza di un muro di recinzione:


"Come si è appreso da un recente servizio televisivo del Tg2 e da una successiva segnalazione all'interno del Portale dei Diritti e del Lavoro Sociale, alla ricostruzione dell'antico paesaggio di Ottavia si è aggiunto, negli ultimi giorni, un ulteriore tassello: una sepoltura individuata a pochi metri dal celebre "Ipogeo degli Ottavi".
Interpellato dal sottoscritto, da Giovanna D'Annibale e da Domenico Ciardulli dell'associazione culturale "Lucchina e Ottavia", l'archeologo che, per conto della Soprintendenza Archeologica di Roma, sta attualmente seguendo i lavori, ci ha fornito utili particolari sulla vicenda: la scoperta risale a lunedì 16 maggio e si inquadra nel corso dei lavori di ricostruzione di una parte del muro di recinto della casa generalizia religiosa delle Maestre Pie Filippini (via della Stazione di Ottavia, 72). 
Tali lavori, eseguiti sotto monitoraggio archeologico, hanno restituito un'inattesa, toccante sorpresa: alcuni frammenti di ceramica di età imperiale al di sotto dei quali porzioni di anfore erano poste a ricoprire la semplicissima sepoltura di una donna in stato interessante, ricavata nel locale banco di cappellaccio. 
Pur nella sua essenzialità, la notizia del ritrovamento è di un certo interesse: si aggiunge infatti ad una serie di ritrovamenti di singole sepolture o di modeste camere sepolcrali, intagliate nel tufo, che vennero saltuariamente intercettate nell'area, in occasione di vecchi scavi, ma di cui oggi non rimane nulla di visibile.
Fin qui i pochi dati disponibili ma rimaniamo in fiduciosa attesa di ulteriori eventuali scoperte in loco nonché degli interessanti elementi che, sicuramente, emergeranno dalle analisi antropologiche a cui i resti della giovane defunta e del feto verranno sottoposti."

Archeologo Alessandro Locchi
Associazione culturale "Lucchina e Ottavia"

sabato 21 maggio 2016

ALLA STAZIONE DI OTTAVIA VA IN ONDA "IL SILENZIO"


"..Se non fossimo così votati a tenere la nostra vita in moto e per una volta tanto non facessimo nulla, 
forse un immenso silenzio interromperebbe la tristezza di non riuscire mai a capirci e di minacciarci con la morte..." 
sono parole di una bellissima poesia di Pablo Neruda dal titolo: "Restare in silenzio".

"Il Silenzio: muro o ponte?" 
E questo il tema della Sosta Filosofica che si tiene giovedì 26 maggio 2016 alle ore 18.30 presso lo spazio SOSE della Stazione FL3 di Ottavia.






martedì 17 maggio 2016

La ramazza "civica" nei quartieri non è la scelta giusta

immagine casuale da google (terradialtrove.it)
Con tutto il rispetto e la simpatia per i candidati che hanno organizzato e organizzano iniziative di pulizia del quartiere, vorremmo augurarci che le politiche capitoline e municipali per la pulizia e il decoro dei quartieri non siano indirizzate allo sviluppo del volontariato civico invece che all'efficientemento dei servizi pubblici, magari coadiuvati da un'adeguata collaborazione e informazione reciproca.

Per elevare la qualità della vita di un quartiere non basta invitare la gente di domenica a imbracciare la ramazza, con guanti e paletta, per ripulire le strade disastrate.
L'invito alla socializzazione finalizzata al bene comune passa, a nostro avviso, attraverso un impegno maggiore dell'Amministrazione per strade illuminate e decorose, provvedimenti efficaci per il traffico attraverso un treno FL3 che diventi vera metropolitana di superficie.
La qualità della vita di un quartiere passa anche attraverso il miglioramento viario generale dei servizi di trasporto pubblico, la realizzazione delle opere incompiute, attraverso l'apertura di nuove biblioteche in periferia  e attraverso un servizio AMA di livello europeo.
Infine, ultima cosa, non meno importante delle altre: serve garantire nuovi spazi sociali e culturali, soprattutto per i giovani, e non solo i santuari commerciali.

Buona riflessione.

Ass.ne culturale Lucchina e Ottavia

mercoledì 4 maggio 2016

II° INCONTRO CON I RAGAZZI DELLA SCUOLA MEDIA SU "OTTAVIA E LE SUE GENTI"

Il 26 aprile scorso presso la sala teatro della scuola media di via delle Maestre Pie Filippini si è tenuto il secondo incontro dei ragazzi (4 classi di prima media) con lo scrittore e giornalista Enzo Abbati. 
Iniziativa promossa e organizzata dall'Associazione culturale Lucchina e Ottavia.
A grande richiesta, dopo il primo incontro tenuto presso lo spazio SOSE della Stazione di Ottavia, lo scrittore Abbati ha raccontato ai ragazzi, interagendo con loro, altre storie inedite sulle origini dei nostri quartieri.
Vivo l'interesse e la partecipazione attiva, un successo di apprezzamenti da parte di tutti gli alunni che hanno preso parte all'iniziativa.
C'è stato un dibattito diretto e coinvolgente, basato sull'apprendimento dell'esercizio critico a cui la storia delle origini richiama.
Il racconto di storie con notizie inedite e originali hanno stupito e incuriosito, non solo i ragazzi, ma anche gli adulti presenti al primo e secondo incontro.
Come organizzatori, siamo rimasti piacevolmente colpiti anche dal comportamento disciplinato dei giovanissimi alunni di prima media che, particolarmente concentrati tra appunti e formulazione di domande al relatore, hanno dato prova di vivacità intellettuale, attenzione ed educazione in un contesto di apprendimento "extrascolastico"
Complimenti allargati anche ai professori e alle famiglie dei nostri ragazzi, alunni delle scuole di Ottavia!...
Cogliamo l'occasione della "Settimana nazionale degli insegnanti" per ringraziare tutte le maestre e i maestri,  i professori e le professoresse degli istituti comprensivi "Octavia" e "Pablo Neruda". 

Associazione culturale Lucchina e Ottavia