Per contatti: pianopartecipato@libero.it - fax 0623316920 posta: via Stazione di Ottavia 73B Roma. Leggi qui: Lo Statuto


sabato 29 ottobre 2016

Ottavia e il Vigile Urbano numero 3: L'INCROCIO DI VIA PANIZZI

Progetto di rotatoria approvato dal Comune
Diversi lettori della nostra rubrica ci hanno segnalato la grande criticità esistente da molti anni all'incrocio tra via Casal del Marmo e via Panizzi. Un punto molto delicato per i residenti di tutto il quadrante nord ovest da quando si sono aperte le uscite sul raccordo e da quando è a pieno ritmo la centralità commerciale del Guliver e del cinema a 10 sale Starplex.
L'incrocio con via Casal del marmo ci è stato segnalato come punto pericoloso per i pedoni e come causa di ingorghi e rallentamenti che fanno diventare un calvario il traffico mattutino. Ricordiamo alcuni incidenti mortali in un nostro articolo del 2013 . 
E' veramente un grande mistero la mancata realizzazione di una delle opere che dovrebbero in parte fornire una soluzione parziale ai problemi denunciati: ci riferiamo alla rotatoria di via Panizzi, progetto che era stato approvato dalla Giunta Municipale nel marzo 2011. 
Sono ormai passati anni da quando, in alcuni incontri pubblici, si è detto che i fondi per la realizzazione della rotatoria sono già nella disponibilità dell' "Associazione Consortile di Recupero Urbano Nuova Periferia".
Contestualmente si è detto che la Casa di esercizi spirituali "Sacro Costato" di via Vaccari avrebbe già dato il nulla osta ad un esproprio parziale di terreno in cambio di un'autorizzazione edilizia da parte del Comune.
Nella mente degli stessi ideatori del progetto di rotatoria c'era anche la realizzazione di una bretellina stradale interna per i soli mezzi pubblici scolastici che avrebbe collegato la rotatoria di via Panizzi con le scuole elementari Besso e Bertolotti.

Allora che cosa è successo? Cosa impedisce di mettere mano ad un problema annoso che abbassa la qualità della vita di migliaia di famiglie e di bambini costretti a fare ore di viaggio per raggiungere le scuole a qualche chilometro di distanza? 

Non muore mai la speranza che... il bene comune diventi la priorità dei nostri amministratori. 

Leggi anche: 
"Il vigile urbano" n.1
"Il vigile urbano" n. 2

Ass.ne Lucchina e Ottavia

sabato 22 ottobre 2016

"Siamo naufraghi o isolani?" Sosta filosofica alla stazione


Forse nel nostro Municipio, pieno di palestre e di centri di bellezza, non si era mai pensato di istituire una "Palestra del Pensiero", un percorso culturale di comunità, una "ginnastica" di gruppo che coniughi esercizio della mente e bellezza del dialogo.Nella "sosta filosofica" ognuno dei presenti cerca di rispondere ad una domanda, ma poiché nel farlo ciascuno espone idee proprie ma accoglie anche quelle altrui, dialogando, ci si accorge che la domanda iniziale può spostare l’attenzione su molte altre domande, che un po’ impediscono di azzardare una risposta soddisfacente alla prima. Prolungare il dialogo, per continuare a cercare risposte.

"Siamo Naufraghi o Isolani?" 
Venerdì 28 ottobre 2016 ore 18.30 
Stazione di Ottavia, locali del SOSE
Modera: Laura Capogna

All'interno della Manifestazione culturale "Arte e Territorio" dell'ass.ne "Arte Altra", ci sarà una seconda "Sosta filosofica" promossa dall'Associazione culturale Lucchina e Ottavia. 
Il tema è ancora lo stesso: "L'Isola" di Armin Greder,  per continuare a parlare di ospitalità.   


Che cos'è la Sosta Filosofica?
E' un'occasione d'incontro in cui il filosofo imbastisce e modera un dialogo aperto ai "non filosofi".
E' un invito a creare uno spazio di pensiero condiviso rispetto a questioni sociali e culturali d'interesse comune, per uno scambio di opinioni senza l'urgenza e la pressione di risposte immediate e risolutive. 
Portare la filosofia nel quotidiano vuole essere un esercizio riflessivo che apra nuove angolature sul nostro modo di vedere e di scegliere come abitare il mondo.

Appuntamento alla stazione venerdi 28 ottobre ore 18.30!


venerdì 21 ottobre 2016

Il Vigile Urbano a Ottavia: "Altri due incroci soggetti al caos"

Oggi la nostra rubrica settimanale si occupa di altri due punti segnalati dai nostri lettori.

Il primo riguarda la via Casal del Marmo, all'altezza della stazione di Ottavia

"Il parcheggio in curva è frequente e pericolosissimo!! Tra la Chiesa, l'Alimentari, la frutteria, il bar, la pizzeria, "i cinesi", l'uscita della stradina che porta a scuola, la fermata dell'autobus, il bivio, la gente che prende il treno, i parcheggi... quello è diventato un punto nevralgico del quartiere: una "piazza" senza piazza! 
Beh, chi si ferma a comprare le sigarette, purtroppo, che fa? Lascia la macchina sulla curva. Per passare bisogna allargarsi oltre la linea di mezzeria e ogni giorno si rischiano scontri frontali, soprattutto quando arrivano gli autobus;
Cosa fare? 
1) Predisporre una segnaletica "invasiva" anche luminosa che impedisca sia la sosta accanto al bar e alla pizzeria e frutteria e che tuteli i pedoni in transito e attraversamento verso la stazione;
2) Presenza almeno saltuaria di una pattuglia di polizia municipale per instradare verso le buone abitudini automobilisti e pedoni.

Il secondo riguarda la via Ipogeo degli Ottavi all'incrocio con via Trionfale (uscita GRA):
Intorno alle 7.40 il sottopasso ferroviario di via Ipogeo degli Ottavi diventa una bolgia infernale.
Crediamo basti la foto scattata ieri, in un momento che non era neanche quello di punta, per dare l'idea e rendersi conto che ci sono momenti in cui gli automobilisti, in uscita dal raccordo anulare, in direzione centro, occupano tutta la via impedendo di passare a coloro che, proveniendo da Ottavia, devono dirigersi in direzione Giustiniana.
Soluzioni: 
1) Una delle possibili soluzioni potrebbero essere i cordoli che dividono la strada permettendo il passaggio nella direzione periferica;
2) Presenza di un vigile almeno dalle 7.30 alle 8.30.

Leggi il numero precedente del Vigile Urbano

Appuntamento al prossimo fine settimana. Continuate intanto a segnalarci altri incroci o punti critici di Ottavia e Palmarola. Noi daremo conto piano piano di tutto ciò che ci arriva per dare al Comune e al Municipio XIV il tempo di provvedere. Almeno ci speriamo.


Ass.ne culturale Lucchina e Ottavia


sabato 15 ottobre 2016

"Il Vigile Urbano" a Ottavia, incroci e strade problematiche

strisce pedonali segnalate ma inesistenti
Dalla bella poesia di Gianni Rodari (trascritta in calce a questo articolo) ci è venuta in mente una rubrica settimanale da aprire sul nostro blog per far sapere all'opinione pubblica, ma, "in primis" al Municipio XIV, quali siano i punti critici di segnaletica e cartellonistica nei quartieri di Ottavia e Palmarola che comportano rischi per i pedoni e spesso caos nella circolazione dei veicoli.
Una rubrica che oggi iniziamo con una nostra segnalazione ma che, nel prossimo fine settimana, intendiamo arricchire con segnalazioni dei cittadini che ci seguono.

Segnale di stop nascosto dall'albero
Trattiamo oggi l'incrocio di via della Lucchina con via Tarsia. Sapete che su via della Lucchina si trova anche la Clinica Salus Infirmorum, delizia di molti residenti bisognosi di cure ma croce di operatori sanitari che non ricevono puntualmente gli stipendi.

Riteniamo che su via Tarsia sussista un serio rischio, effettivo e reale, per l'incolumità dei pedoni, soprattutto bambini e anziani. 
Infatti risalendo a piedi via Tarsia verso via della lucchina, in senso inverso ai veicoli, si viene quasi sfiorati dalle macchine e dagli autobus di linea.
Non c'è infatti un attraversamento pedonale che consentirebbe, al limite, di raggiungere il marciapiede che si trova di fronte ai giardinetti.
I problemi, seppur seri, non finiscono qui. I veicoli provenienti da via della Lucchina, lato via stazione di Ottavia, incontrano un segnale di stop all'incrocio che è ben coperto da un albero così come è interamente coperta il nome della via limitrofa prospiciente all'incrocio.
Rischio reale
Dall'altro lato, i veicoli che provengono dalla Clinica Salus trovano, all'altezza della fermata dell'autobus, un segnale che indica la presenza di strisce pedonali inesistenti e trovano una siepe sul muro di cinta delle villette (a sinistra nella foto sotto) che impedisce la visibilità di pedoni in attraversamento.
Fermo restando che le autorità competenti dovrebbero provvedere al regolare ripristino delle strisce pedonali, degli stop sull'asfalto e della visibilità della segnaletica, con potatura dei rami oscuranti e ridimensionamento della vegetazione sulle recinzioni, ci permettiamo di proporre:
1) il posizionamento di nuove strisce pedonali su via Tarsia, come indicato sopra;
2) il posizionamento di uno specchio parabolico all'incrocio, vicino il grande cancello della villa adiacente;
nome della via coperto
3) Una soluzione per evitare che il parcheggio selvaggio vicino l'incrocio determini difficoltà e blocchi al passaggio della linea 546, come spesso si è verificato, con grave ripercussione sul traffico. Consideriamo anche che i parcheggi in prossimità dell'incrocio, vista l'assenza di marciapiedi, sono anche "barriere" che incrementano il rischio per l'incolumità dei pedoni. 
Lo specchio consentirebbe, sia agli automobilisti provenienti da via della Lucchina,  lato stazione, sia ai pedoni che risalgono via Tarsia di intravedere preventivamente vetture e pedoni in movimento.
Concludiamo qui la segnalazione odierna augurandoci che il contributo diretto dei cittadini possa in qualche modo direzionare l'attenzione delle nostre istituzioni. 

Alla prossima settimana!

Chi è più forte del vigile urbano? 
Ferma i tram con una mano.
Con un dito, calmo e sereno, 
tiene indietro un autotreno:
cento motori scalpitanti 
li mette a cuccia alzando i guanti.
Sempre in croce in mezzo al baccano:
chi è più paziente del vigile urbano? (G.R.)

Associazione culturale Lucchina e Ottavia


giovedì 13 ottobre 2016

Alla scoperta degli etruschi di Veio. Passeggiata domenicale guidata

Prendete nota del seguente invito a partecipazione gratuita: domenica 16 ottobre passeggiata archeo-naturalistica al parco di Veio. In virtù del connubio culturale tra associazioni che coltivano l'interesse per la storia e le scoperte archeologiche del territorio in cui viviamo, L'associazione culturale "Lucchina e Ottavia", insieme al comitato di quartiere " La Giustiniana e dintorni" e all'associazione culturale "La Giustiniana", vi aspettano per camminare insieme tra storia e natura! Appuntamento in piazza della Colonnetta a Isola Farnese, visita al borgo per poi dirigersi alle 9.15 al vecchio mulino presso la cascata.